Noidonne, che di anni ne ha settanta e che viene pubblicata da una cooperativa dal 1969, è e sarà in prima linea, insieme alle altre testate, per combattere il muro dell’indifferenza istituzionale e per costringere il Governo a dare risposte nel brevissimo termine, nell’ottica di continuare a contare nel panorama del giornalismo italiano. Un settore in crisi che va riformato certamente, ma in cui l’esperienza e il valore di tante piccole e grandi realtà non deve perdersi o restare soltanto un ricordo per nostalgici aficionados. Non si tratta infatti di entrare nel partito dei gufi o dei rottamatori, di stare fermi o desiderare il cambiamento, ma di difendere, fuori dalle sterili dicotomie, il pluralismo dell’informazione attraverso il lavoro dei giornali cooperativi e no profit che da sempre hanno a cuore la verità, le comunità territoriali e i lettori.

(articolo completo di Silvia Vaccaro su NoiDonne.it)

Lascia un commento