“Aderiamo a questa campagna perché l’informazione libera esiste solo con una pluralità di testate e con più editori”. Il diritto all’informazione, a informare e ad essere informati è ciò che spesso il volontariato si è visto negare a favore di logiche di mercato totalmente estranee al bene comune, alla tutela della dignità delle persone e delle comunità. Una biodiversità informativa è ciò che auspichiamo e i tagli che sono già stati fatti all’editoria non sono di certo parte della riforma che auspichiamo e sulla quale siamo pronti a collaborare con le nostre storie, con le nostre narrazioni e con il nostro punto di vista”.

Fabrizio Pregliasco, presidente nazionale Anpas.

Lascia un commento