Economia, Istituzioni e Cultura: la Puglia si schiera con #menogiornalimenoliberi


Anche in Puglia #MenoGiornaliMenoLiberi sta raccogliendo un importante sostegno trasversale, grazie soprattutto all’impegno della testata Taranto Buonasera.

tarantobuonasera

L’appoggio a #MenoGiornaliMenoLiberi è arrivato, nei giorni scorsi, dai parlamentari tarantini Michele Pelillo (Pd) e Gianfranco Chiarelli (Fi), oltre che dal consigliere regionale democratico Michele Mazzarano e dal vicesindaco di Taranto, Lucio Lonoce; dal presidente della Regione Puglia Nichi Vendola (Sel), dal leader pugliese del Nuovo Centro Destra, Massimo Ferrarese, dal commissario pugliese di Forza Italia Gino Vitali. Senza dimenticare il presidente della Fondazione Gramsci, Giuseppe Vacca (clicca per leggere il suo intervento).

Giuseppe Vacca-slide

Il presidente della Fondazione Gramsci, Giuseppe Vacca.

Tutti hanno ribadito l’importanza della libertà di stampa esprimendo apprezzamento per #MenoGiornaliMenoLiberi. Una campagna che, comunque, coinvolge anche altri, importanti strati del tessuto sociale ed economico, nazionale e tarantino.

enzo-taranto

Enzo Cesareo, presidente di Confindustria Taranto.

Uniti nel dire no al rischio di chiusura di diverse testate locali sono stati, parlando con il  giornale, Enzo Cesareo, presidente di Confindustria Taranto, Sergio Prete, presidente dell’Autorità Portuale, ed i presidenti di Camera di Commercio e Confcommercio Taranto, Luigi Sportelli e Leonardo Giangrande. Inoltre, il consigliere comunale Dante Capriulo, Massimo Ferrarese, coordinatore del Nuovo Centro Destra, e Martino Tamburrano, presidente della Provincia di Taranto.

Lascia un commento